present simple continuous perfect simple

Tempi verbali inglesi (I parte): il presente

Uno degli errori più comuni che facciamo quando proviamo a tradurre una frase in inglese è pensarla in italiano. Sai perché è sbagliato? Semplice, i tempi verbali inglesi non coincidono perfettamente con i nostri; un past simple, ad esempio, può essere tradotto con un passato remoto o con un passato prossimo. Questa è anche una delle motivazioni per le quali, l’inglese ci sembra così difficile da imparare. Perché non pensiamo diversamente, non pensiamo in inglese.

Per aiutarti a fare chiarezza, quindi, ho scelto di parlarti proprio dei tempi verbali inglesi. Attraverso numerosi esempi, saremo catapultati in un viaggio verso il futuro (e non solo), da far invidia al miglior Michael J. Fox.

In sintesi, ecco quali verbi ripassiamo:

  • Present Simple
  • Present Continuous
  • Present Perfect Simple

Pronto per una lezione di grammatica, in pillole?

Present Simple

present simple

Senza troppi giri di parole – questa lezione ha tantissima carne al fuoco e dilungarsi significherebbe perdere la tua attenzione – d’ora in avanti avrai una breve spiegazione della forma verbale, le costruzioni per le frasi affermative, negative e interrogative, e i relativi esempi. Are you ready for this? Sei pronto per questo vortice di grammatica?Let’s start! Iniziamo dal Present Simple.

Questa forma verbale si utilizza per parlare di:

  • azioni abituali
  • dati di fatto

Forma affermativa: Soggetto + Verbo Infinito + Complemento

Esempio: I play soccer every weekend ⇒ Io gioco a calcio ogni fine settimana. È un’azione abituale.

Forma negativa: Soggetto + Ausiliare Do/Does + Not + Verbo Infinito + Complemento

Esempio: I do not (don’t) go to the gym very often ⇒ Io non vado in palestra molto spesso. Un’altra azione abituale.

Forma interrogativa: Do/Does + Soggetto + Verbo Infinito + Complemento

Esempio: Do you like pizza? ⇒ Ti piace la pizza? È una domanda inerente a un dato di fatto.

Forma interrogativa negativa: Do/Does + Not + Soggetto + Verbo Infinito + Complemento

Esempio: Don’t you go to school every day? ⇒ Non vai a scuola ogni giorno? Domanda inerente a un’azione abituale.

NB → Quando ti riferisci alla terza persona singolare, dovrai aggiungere una S o ES.

  • Nella forma affermativa, al verbo ⇒ She eats meat every day
  • Nelle forme negative e interrogative, all’ausiliare ⇒ She doesn’t eat meat every day

Present Continuous

present continuous

Altra forma verbale, altro presente. Il Present Continuous si utilizza per esprimere:

  • azioni che si stanno svolgendo in questo preciso istante ⇒ I’m writing (sto scrivendo)
  • azioni programmate e sicure per il futuro ⇒ I’m working tomorrow (lavorerò domani)

Forma affermativa: Soggetto + To be + Verbo in -ing (gerundio) + Complemento

Esempio: I’m writing an article at work ⇒ I’m having dinner at home, oppure, se vuoi indicare un’azione che si svolgerà, salvo imprevisti, quasi sicuramente, potresti dire qualcosa come: I’m going to Paris this summer ⇒ Andrò a Parigi quest’estate.

Forma negativa: Soggetto + To be + Not + Verbo in -ing (gerundio) + Complemento

Esempio: I’m not listening to you ⇒ Non ti sto ascoltando. È un’azione che si sta verificando nello stesso istante in cui viene pronunciata la frase.

Forma interrogativa: To be + Soggetto + Verbo in -ing (gerundio) + Complemento

Esempio: Are you doing your homework? ⇒ Stai facendo i tuoi compiti? Una domanda inerente a un’azione che si sta svolgendo. E se volessi chiedere al tuo compagno di corso se ha programmato o meno una vacanza studio a Londra per questa estate? Are you going to London this summer? ⇒ Andrai a Londra quest’estate?

Forma interrogativa-negativa: To be + Not + Soggetto + Verbo in -ing (gerundio) + Complemento

Esempio: aren’t you doing your homework yet? ⇒ Non hai ancora fatto i tuoi compiti? Sempre un’azione che si sta svolgendo ora. Oppure, per indicare qualcosa di prefissato, ecco un altro esempio; aren’t you attending the webinar? ⇒ non parteciperai al webinar?

Questo è tutto quello che c’è da sapere sul presente progressivo o, come lo chiamano gli inglesi, Present Continuous.

Present Perfect Simple

present perfect simple

Questa forma verbale viene impiegata principalmente per azioni che si sono svolte o che potrebbero svolgersi in un lasso di tempo non ancora concluso. Quando si usa il Present Perfect Simple sono sempre sottintesi “ormai” o “finora”. Spesso troverai locuzioni come “since” (fin da) e “for” (da, inteso come durata; es. for two week – da due settimane).

Inoltre, il Present Perfect Simple è usato per indicare azioni appena iniziate, appena concluse o non ancora iniziate. Per chiarire meglio ogni dubbio, anche in questo caso, ti aspetta la costruzione e gli esempi.

Forma affermativa: Soggetto + To Have + Participio passato + Complemento

Esempio: I’ve (I have) been to Amsterdam five times ⇒ Sono stato ad Amsterdam cinque volte. Azione che si è svolta e che è valida fino ad oggi per tutto l’arco della mia vita.

Altri esempi? I’ve known Paolo for ten years, I’ve known Gabriele since 2014, o ancora, I’ve just read your messagge.

Forma negativa: soggetto + to have + not + participio passato + complemento

Esempio: I haven’t been to the sea for two years ⇒ Non vado al mare da due anni.

Forma interrogativa: to have + soggetto + participio passato + complemento

Esempio: Have you ever been to London? ⇒ Sei mai stato a Londra?

Forma interrogativa-negativa: to have + not + soggetto + complemento

Esempio: Haven’t you seen him for two years? ⇒ Non lo vedi da due anni?

Godiamoci il presente

No, non ho intenzione di lasciarti in asso. Ci sarà occasione per spiegarti anche il Past Simple, il Past Perfect e i tre futuri. Semplicemente, ho pensato di suddividere gli argomenti in modo da renderti più semplice la consultazione. E non dirmi che non ti penso! 😉

Piuttosto, tornando a quanto possa essere complicato lo studio della lingua inglese, vorrei farti riflettere su un’osservazione di Joan Sloan. In una recente intervista per Vanity Fair, il divulgatore più famoso e amato tra i bambini (e non solo), ha spiegato il motivo della scarsa padronanza delle lingue di noi italiani. Per lui non ci divertiamo abbastanza, e di conseguenza non impariamo.

E se esistesse una scuola d’ inglese dove apprendimento e divertimento viaggiano sulla stessa onda? Sarebbe fantastico, non è vero? Vuoi sapere una cosa; esiste già, e si chiama Wall Street English Catania.

Inizia un percorso formativo per imparare la lingua più diffusa al mondo.

Richiedi la tua consulenza gratuita

Contatta Wall Street English per il tuo corso d'inglese a Catania

 

Ti è piaciuto l'articolo?

Lasciaci i tuoi dati. I prossimi articoli li riceverai comodamente nella tua mail...

Grazie! Controlla la mail per completare l'iscrizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi migliorare il tuo inglese?

Iscriviti alla newsletter e ricevi gli articoli del blog per parlare un inglese fluente.

Grazie! Controlla la mail per completare l'iscrizione.